Il nome deriva dall’incontro tra il secolo attuale e il 1854, anno di fondazione della maison. La linea si compone di 14 pezzi versatili, realizzati dal designer con materiali tecnici e completamente idrorepellenti

 

Louis Vuitton svela la collezione Louis Vuitton 2054 disegnata da Virgil Abloh. Il designer, alla guida creativa delle linee maschili della griffe, ha scelto di chiamarla così dall’incontro tra il secolo attuale e il 1854, anno di fondazione della maison di Lvmh.

Abloh, immaginando il futuro del menswear, ha utilizzato materiali tecnici e completamente idrorepellenti per una gamma di 14 pezzi in una selezione di stili e colori, ognuno dei quali integrato a valori trasformabili.

Si tratta di capi multifunzionali e performanti, ma al tempo stesso versatili grazie all’integrazione della tecnica della compressomorfosi, introdotta per la prima volta nella pre-collezione autunno-inverno 19/20. I dettagli delle tasche sugli indumenti, infatti, si comprimono interamente per diventare facilmente trasportabili, dunque ideali per i viaggi.

Magliette oversize imbottite e con molteplici cerniere si comprimono nella propria tasca posteriore e si trasformano in un cuscino da trekking. Le giacche a vento, grazie a una tasca frontale dentro la quale la giacca si ripiega, si può trasformare in un marsupio. Parka militari si dividono in due giacche separate, mentre pantaloni a paracadute con monogram in rilievo presentano tasche cargo removibili.

A proposito del monogram, il logo è stato reinventato da Abloh con effetto trompe l’oleil in rilievo su un motivo ad arcobaleno mimetico. il motivo si ripete in un’interpretazione in bianco e nero, che appare sulla fodera della maggior parte dei capi. A contraddistinguere ulteriormente la linea sono le grafiche. Il logo Louis Vuitton composto da aeroplani sincronizzati, ad esempio, decora la parte anteriore di una felpa con cappuccio.


Un accessorio della collezione Louis Vuitton 2054

In merito agli accessori, borse in tessuti tecnici, pelli goffrate o imbottite mescolate con dettagli hardware in plastica trasparente adottano i valori trasformabili e multifunzionali della collezione. Le borse Messenger sono dotate di funzioni espandibili, mentre lo zaino Christopher è arricchito da tasche laterali.

Gli accessori comprendono anche scarpe, una sciarpa extra-large, un cappello a secchiello idrorepellente, gioielli a catena con il motivo arcobaleno, occhiali da sole e un orologio. La collezione Louis Vuitton 2054 arriverà a livello globale a dicembre.

Virgil Abloh, assente dalle scena dai primi di settembre per motivi di salute, pochi giorni fa era tornato nell’headquarter di Louis Vuitton a Parigi. ll designer ha postato un selfie scattato in ascensore sul suo account personale Instagram, con il volto per lo più coperto dal logo LV inciso sullo specchio.