Tom Ford sceglie una stazione abbandonata della metropolitana per la primavera 2020

Tom Ford sceglie una stazione abbandonata della metropolitana per la primavera 2020

Hai voglia della New York City più dura? Ebbene, lui è pronto a dartela

Quando Tom Ford è stato nominato presidente della CFDA la scorsa primavera, ci sono stati alcuni sussurri su quanto sarebbe stato impegnato a New York City; il designer texano mantiene residenze a Los Angeles e Londra, aggiungendo solo una casa Big Apple nell’ovile intorno al momento della sua nomina all’inizio del 2019.

Sembra difficile da credere, come stabilito come lui, ma forse il primo designer di lusso americano sentiva di dover dimostrare di appartenere alla grinta e alla sporcizia di New York.

Beh, prendilo da me, un trapianto di New York che trasportava la Metrocard: quando si tratta di New York, non c’è niente di più stretto della metropolitana. Forse è per questo che Ford ha deciso di ospitare la sua sfilata primavera 2020 su una piattaforma ferroviaria abbandonata alla fermata Bowery. (Vale la pena ricordare che, casualmente, questa è la stessa fermata in cui Valentino ha messo in scena l’ormai iconico scatto di Naomi Campbell in un look couture con paillettes ad aprile.)

Gli showgoer sono stati rinvisi per la prima volta presso l’avamposto Nolita di Nom Wah Tea Parlor e con bevande e antipasti prima di essere conducono giù per una scala buia, le piastrelle bianche della metropolitana dando il modo di luci al neon.

In un colpo di scena assoluto (seriamente, le persone belle di KCD Worldwide hanno più che guadagnato un bel bonus di vacanza per questa pista da solo; Ucciderei per conoscere la quantità di logistica che è stata per realizzare questo accada), Ford ha trasformato lo spazio dimenticato in una pista grungy-glam, completa di luci da palcoscenico, musica in piena espansione e persino condizionatori d’aria portatili. I veri lavoratori dell’MTA hanno trainato i binari, e mentre erano sicuramente lì per scopi di responsabilità, l’arancione brillante dei loro giubbotti ha prestato all’atmosfera generale.

Modelli come Gigi Hadid e Kaia Gerber inseguirono la passerella e si fermarono al centro, rivolgendosi ai membri del pubblico con superbia negli occhi – praticamente un’approssimazione spot-on di attesa per guidare la metropolitana, parlando per esperienza personale.

Con un ambiente fresco come questo, i vestiti quasi non importa, ma qui, hanno giustificato la posizione: In questa stagione, Ford sta cercando la sua mano a streetwear con un giro di lusso. O era lusso con un giro di streetwear? C’erano gonne a sfera abbinate a top in satinato tagliati per sembrare rilassati come una maglietta bianca beat-up; piccolissimi pantaloncini da ginnastica tagliati in seta nera e sormontati da blazer pastello oversize; sciolto, tute incresmi; giacche e reggiseni in pelle nera.

Il menswear qui ha avuto molto più successo, con le sue giacche croc bianche e blazer con stampa animale in colori come il viola e il verde nella tipica sartoria Ford tagliente. Alla fine, il womenswear ha preso una piega scultorea, con pettorali modellati che prendono il posto di top in metalli blu e rosa – una presa un po ‘letterale sulla durezza dei newyorkesi.

È troppo presto per dire se la collezione stessa è un successo – gli abiti sembrano troppo semplici e troppo casual per giustificare i cartellini dei prezzi elevati di Ford – ma lo spettacolo si rivelerà sicuramente indimenticabile per la piccola folla riunita. Se non altro, ha ricordato loro cosa vuol dire essere all’interno del sistema di metropolitana di New York City – e non hanno nemmeno dovuto pagare la tariffa di 2,75 dollari.