Tom Ford lascia il Ticino per Gallarate

Tom Ford lascia il Ticino per Gallarate

Anche Tom Ford preferisce l’Italia alla Svizzera. Il marchio americano, come riportano i media locali, ha deciso di chiudere lo stabilimento di Stabio, nel distretto di Mendrisio, e di trasferirsi a Gallarate, nel varesotto, dove il brand già conta una base operativa. A Stabio, il marchio impiegava circa 20 dipendenti, ma solo ad alcuni di loro è stato proposto il trasferimento a Gallarate (i due comuni distano circa 40 minuti l’uno dall’altro) oppure a Firenze.

La decisione di lasciare il comune svizzero per potenziare la propria presenza sul territorio italiano sarebbe legata a questioni doganali e logistiche.

“La notizia era un po’ nell’aria”, ha raccontato una lavoratrice a tio.ch/20minuti. “Da circa due anni il grosso della produzione si è concentrata nel Varesotto. Era ormai chiaro che  la sede di Stabio avrebbe avuto vita breve”.

La mossa di Tom Ford va ad arricchire ulteriormente il territorio del gallaratese e, più in generale, del varesotto, dove sono già presenti le sedi di Parah e Yamamay e la Manufacture des accessoires Louis Vuitton. Poco distante poi, a Lonate Pozzolo, Dolce&Gabbana conta un polo produttivo. La zona di Varese, inoltre, ha dato i natali anche al brand Missoni.

Tom Ford, inoltre, non è l’unico brand ad aver lasciato o ridotto la propria presenza nella Fashion Valley svizzera. Tra gli ultimi casi, infatti, si contano Kering, Armani, che aveva lasciato Mendrisio, così come Vf aveva alleggerito il personale a Stabio.