Thom Browne Vuole Essere un Artista

Thom Browne Vuole Essere un Artista

Il designer con sede a New York svelerà una scultura in tessuto alta 21 piedi di una palma come la sua prima avventura seria nel mondo dell’arte

 

All’interno dei due piani e mezzo che compongono l’atelier del designer Thom Browne a New York, quasi ogni superficie visibile è del marchio.

Ogni membro dello staff è decorato con l’abbigliamento firmato di Thom Browne; l’arredamento è appropriatamente metà del secolo e alla moda; le pareti sono coperte da cremagliere dei suoi vestiti delle stagioni passate, presenti e future; e anche il suo bassotto in miniatura Hector è lì per aggiungere un tocco di verosimiglianza per andare con le sue ormai famose borse a forma di bassotto da $ 2.600.

L’unica cosa che non va è nell’ufficio privato di Browne, dove una decina di tele bianche e nere alte circa un metro e settanta si appoggiano al muro. Queste sono, spiega Browne, opere d’arte che ha dipinto lui stesso. “Ho avuto questa romantica idea di realizzare una serie basata sui ritratti in scala di Sargent di John Singer”, dice, in piedi accanto a un dipinto incompiuto in un paio di cortometraggi di un recente martedì di novembre.

L’arte, per me, non era affatto per ragioni commerciali; era puramente solo per creare qualcosa che volevo [fare] per me stesso.

Fino a poco tempo fa, la pratica artistica di Browne era un affare discreto e personale. Durante i periodi di inattività, tirava fuori una tavolozza e un pennello e iniziava a creare senza un grembiule (professa di non preoccuparsi se la vernice arriva sul suo blazer da $ 2.500 o pantaloncini da $ 690) come forma di rilassamento. “Ho un lavoro specifico in cui ho davvero bisogno di fare soldi”, spiega. “L’arte, per me, non era affatto per ragioni commerciali; era puramente solo per creare qualcosa che volevo [fare] per me stesso “.

La prossima settimana a Miami, tuttavia, il suo hobby privato avrà un debutto molto pubblico. Il 5 dicembre, svelerà una scultura in tessuto alta 21 piedi di una palma (Palm Tree I, 2019) che ha installato nel Moore Building del Design District come la sua prima incursione seria nel mondo delle belle arti.

“Sono davvero orgoglioso di ciò che ho fatto nella moda e di ciò che devo ancora fare”, afferma Browne. “E sono davvero entusiasta di vedere cosa succede anche nel mondo [dell’arte]”.

Un po ‘spaventoso

Browne non è certo la prima celebrità a tentare di passare all’arte. L’attore Adrien Brody ha presentato una mostra dei suoi dipinti (Hot Dog, Hamburger e Pistole) in collaborazione con Art Basel Miami Beach nel 2015. L’anno scorso, la Maccarone Gallery ha presentato una mostra di disegni politici dell’attore Jim Carrey (IndigNation). James Franco ha avuto un flirt ben pubblicizzato con l’arte contemporanea per anni.

L’unica storia di successo recente potrebbe essere quella del defunto attore / regista Dennis Hopper, la cui fotografia è regolarmente esposta nei musei e viene acquistata e venduta da seri collezionisti d’arte.

Nel complesso, tuttavia, il mondo dell’arte non è un luogo ospitale per i dilettanti delle celebrità, un fatto non perduto su Browne. “È un po ‘spaventoso”, dice. “A volte ci scherzo. Mi viene criticato tutto ciò che riguarda la moda, perché voglio entrare in un mondo completamente nuovo di essere criticato? ”

La risposta, dice, è semplice: gli piace fare arte e gli piace quello che ha fatto.

“È solo perché mi sento davvero fortemente sul pezzo”, dice, in riferimento alla palma, che è fatta di seersucker giallo, verde e rosa, pincord (velluto a coste fine) e tessuti oxford a quadretti. “Si riferisce davvero a molte cose che faccio, in termini di gioco con scala e di giocare con l’idea di American Dream e Americana”, continua. “Si tratta di prendere qualcosa di previsto e mostrarlo in un modo molto inaspettato”. Il lavoro ha lo scopo di parlare della sovrapposizione tra il luogo di lavoro e le vacanze e di affrontare come le vacanze moderne sono sia private che performative.

Immergendo il dito del piede

Per un aspetto, Browne ha lavorato per anni con la scultura e lo spettacolo; è solo che il suo outlet è stato una passerella piuttosto che una galleria dalle pareti bianche.

“Immagino di aver intaccato un po ‘il dito del piede in acqua con le mie sfilate per quanto riguarda le installazioni specifiche che ho avuto come centrotavola”, dice. Gli spettacoli del passato hanno incluso modelli all’interno di un enorme burattino di unicorno bianco, una passerella con sedie e cabine del bagnino e, nel 2012, una stanza piena di bare.

Mi viene criticato tutto ciò che riguarda la moda, perché voglio entrare in un mondo completamente nuovo di essere criticato?

Il problema, dice Browne, è che la scultura è stata coperta dall’abbigliamento. “Nel corso degli anni, ho continuato a pensare che si fossero persi sul pubblico”, continua. “Certo, le persone non vengono specificamente per un’installazione artistica; vengono per l’abbigliamento. Ma le installazioni erano, per me, molto più importanti di quanto la gente capisse. ”

Ora che la sua attività si è stabilizzata – nel 2018, Ermenegildo Zegna ha annunciato di aver acquistato l’85% di Thom Browne, sulla base di una valutazione di $ 500 milioni – Browne ha iniziato a dedicare più tempo alla sua arte.

“Ora ho il lusso perché qui ho un sacco di brave persone al lavoro”, afferma. “Ho un po ‘più di tempo da dedicare a qualcosa al di fuori [del business]”.

Moda contro arte

La domanda allora è quanto Browne è disposto ad andare mentre si avvolge nel manto dell’arte. Una volta ha esposto un’opera d’arte, quando la sua amica Dodie Kazanjian, curatrice della Metropolitan Opera nella Galleria Met di New York, gli ha chiesto di contribuire con un ritratto alla sua mostra collettiva di ritratti del Principe Igor del 2014, soggetto dell’opera di Alexander Borodin del 1890.

Browne afferma di non aver mai venduto un’opera d’arte, anche se ne ha regalati diversi, e si rifiuta di appendere la sua arte sulle proprie pareti. “Penso che sia strano”, dice. “Sento che dovrebbe essere negli spazi di altre persone, al contrario dei miei”. (Ha dipinti di Norman Rockwell e Jean-Pierre Cassigneul, nonché crocifissi italiani del 13 ° e 14 ° secolo).

Dice che vuole che la sua moda e la sua arte “diventino più separate”.

“Questo non vuol dire che non avrò installazioni nelle mie sfilate di moda, perché è diventata una parte di esse”, dice.

Per quale gli piacerebbe di più essere ricordato: la sua arte o la sua moda? Browne rimane comodamente sul recinto.

“Vorrei che entrambi fossero importanti in diversi modi”, afferma. “Li prendo entrambi sul serio, quindi vorrei che fossero entrambi ricordati da soli.”