Quanto sta crescendo Gucci?

Quanto sta crescendo Gucci?

Questa settimana tutti parleranno delle ultime cifre di vendita di Gucci

 

  • Kering, Moncler ed Hermès riportano i risultati trimestrali il 24 ottobre
  • Il ritmo di crescita di Gucci è rallentato notevolmente quest’anno e le vendite sono diminuite negli Stati Uniti nel secondo trimestre a seguito della controversia sul passamontagna “blackface”
  • Nella prima metà dell’anno, Gucci rappresentava circa il 60 percento delle entrate di Kering

 

La star di Kering è tornata ufficialmente sulla terra dopo due anni di crescita strabiliante. La domanda è dove si dirigerà, ora che si sta comportando come un normale marchio, seppur di grande successo.

Alcuni fattori però, stando a quanto spiegano gli analisti finanziari del fashion system, indicano un futuro assolutamente luminoso: l’ultimo spettacolo di Alessandro Michele ha dimostrato un gusto estetico che ha raccolto recensioni favorevoli. Ed  il crack team di merchandiser del marchio saprà come comportarsi.

Gucci ha anche ripreso a blitzare i consumatori americani con la pubblicità dopo una breve pausa dopo la polemica del blackface.

Ed anche l’incursione nei cosmetici sembra aver ripagato, con oltre 1 milione di rossetti venduti nel primo mese.

Non bastasse,  il marchio ha alcuni articoli – la cintura, tanto per cominciare – che la mantiene all’apice dei desiderata dei consumatori.

L’ostacolo maggiore potrebbe essere rappresentato allora dalle grandi aspettative stabilite dall’amministratore delegato Marco Bizzarri e Michele durante i loro  primi anni con il marchio: il successo ordinario, dopo tanto sfavillio, potrebbe quasi sembrare un fallimento che certamente non sarà.

Bottom Line: Per mantenere alto il valore, Kering ora più che mai deve dimostrare che non è un pony.