Play It Again, Ralph

Play It Again, Ralph

È il film di Ralph Lauren, e noi siamo delle sue comparse. E poi, Christopher John Rogers e Area sono giovani e favolosi alla Settimana di New York

 

Ralph Lauren è il re dell’eleganza, anche se non c’è niente di sovversivo nella sua versione. Invece, sta giocando lo stesso film su ripetizione.

Nelle ultime stagioni, ha messo una buona quantità di potenza nel portare il suo sogno americano in vita con le sfilate amped-up. C’è stata l’indimenticabile celebrazione del cinquantesimo anniversario sulla Bethesda Terrace a Central Park, e l’auto fino al suo garage per auto a Bedford, New York. La scorsa stagione, è stato il Ralph’s Café: un bistrot francese allestito nella sua ammiraglia madison Avenue.

Ancora una volta, sabato sera era qualcosa da ricordare. Giù a Wall Street in un edificio costruito nel 1928 – appena un anno prima che il mercato azionario crollasse – il team di Lauren costruì una stanza di big-band.

“Ralph’s Club” aveva pannelli e lampadari in stile art déco, tovaglioli di cotone ricamati e scatole di fiammiferi stampate. Sembrava un set cinematografico. E c’erano certamente un sacco di attori a portata di mano, tra cui Crazy Rich Asians star Henry Golding in uno smoking di velluto viola e la regina Cate Blanchett tutti vestiti di nero, per giocare parti di bit.

Lauren, tuttavia, è stata la star di questa scena. “Sei davvero, davvero la stilista americana più incredibile che abbiamo”, ha detto la cantante Janelle Monae verso la fine del suo set scosso.

Ralph Lauren Spring/Summer 2020 | Source: Courtesy

 

Composta principalmente da variazioni su smoking, abiti lucidi e lucidi e in colori primari e pezzi di pelle liscia indossati dalle moderne Breck Girls e da Victoria’s Secret Angels, la collezione è stata perfetta per una serata al Ralph’s Club. Ma era qualcosa di più? Forse per chi ancora sogna di una parte nell’epopea di Lauren.