Oggi come ieri, da Versace si ripensa in grande, con J. Lo

Oggi come ieri, da Versace si ripensa in grande, con J. Lo

La giungla di Donatella è stato un sogno per gli ospiti di un favoloso venerdì sera

 

Nella storia della moda, questo venerdì sera sarà ricordato per sempre per quei cinque minuti che ha impiegato Jennifer Lopez per irrompere nel web al termine della sfilata primaverile di Donatella Versace a Milano.

Balistica, in una riedizione dell’abito da stampa Versace jungle che indossava per la prima volta ai Grammy Awards nel febbraio 2000.

Allora, quando in milioni navigarono la rete solo per vederla un secondo, non c’era granché da vedere perché all’epoca non c’era nessun tool di immagini Google in grado di offrire una gratificazione immediata. E allora Google elfi ha lavorato per risolvere il problema: scrivete Jennifer Lopez e Donatella Versace e vedrete.

“È stato un momento magico”, ha detto Donatella, nell’anteprima della sua nuova collezione. Fino a quel momento, la presenza di Jennifer Lopez era ancora un segreto per tutti: la stilista si era limitata a spiegare che la stampa della giungla sarebbe stata il fondamento della collezione.

Il passato di Versace è diventato così un pozzo senza fondo di ispirazione per il marchio. Il che è furbo: non è semplicemente che una buona idea è una buona idea se lo era allora. O lo è ora, o mai lo sarà.  Ho spesso sentito che, nella loro convinzione che una nuova stagione richiedesse per forza delle novità, i designer arbitrariamente rinunciavano ad idee già sperimentate che meritavano magari un’ulteriore esplorazione.

E la stampa della giungla di Donatella ne è la prova, fino a quel finale favoloso.
L’ha applicata in tutta la collezione, drappeggiata e annodata in abiti aderente, in un pantalone di seta, stampata su cotone casual, perline su abiti da ninfa con frange e con cacilla, anche riconfigurati in tonalità tramonto di arancio e rosa. Eccessivo forse, ma magistralmente controllato. Proprio come tutto il resto in passerella.

La lussureggiante giungla è stata contrapposta da una storia nera maitr-sse-strict. Donatella ha disegnato solo un po ‘sull’ultima collezione couture di suo fratello (e c’è ancora molto da esplorare lì). L’abito nero di Bella Hadid e la camicia di cotone a righe di banchiere, decorata con rosette frange di camicia, avevano un tagliente bordo feticista. I suoi sandali con tacco alto, allacciati al ginocchio, sottolineavano l’effetto. Dalla sua cintura sottile pendeva un libro di fiammiferi in metallo. Altre cinghie avevano altri oggetti particolari: un distributore di nastri, una piccola chiavetta.

C’era chiaramente molto di più in questa collezione di quel che ha visto l’occhio. C’era anche un momento di tie-dye decisamente gotico, e questo non solo perché i modelli erano particolarmente scontrosi, con i loro pout e i loro capelli lisci. Amber Valletta, la donna che originariamente indossava l’abito a stampa della giungla in passerella due decenni fa, ha chiuso lo spettacolo in una guaina nera con un bustier scolpito. L’aspetto della donna suggeriva un potente e forte ricongiungimento alla flagrante sensualità della Lopez.

Guardando Donatella alla sua anteprima, si sarebbe potuto immaginare che stesse riflettendo sul contrasto. Il tempo passava velocemente nella sua mente, tra Jennifer Lopez che indossava il suo vestito ai Grammies e Jennifer Lopez che indossava esattamente lo stesso look 20 anni dopo – e sembrava esattamente la stessa. No, meglio! Come se non fosse successo niente. Ma è successo tutto. La moda è un luogo radicalmente diverso, sfidato in modi che nessuno avrebbe mai potuto prevedere tutti quegli anni fa. Ma lo spettacolo di Donatella ha dimostrato che alcune cose, almeno, non cambiano. E, per un momento, possono ancora essere magiche.