Nike è stata a lungo sinonimo di sneaker di alta qualità e altre attrezzature sportive, ma ora l’azienda potrebbe estendere il proprio marchio in un’altra area – i media digitali – grazie all’acquisizione di una startup con sede a Seattle.

TechCrunch ha appreso e confermato che il colosso dello sport multimiliardario ha acquisito TraceMe, che originariamente aveva creato un’app per consentire ai fan di interagire con le star dello sport e altre celebrità prima di girare successivamente in un servizio chiamato Tally, una piattaforma destinata a squadre sportive, emittenti e locali per aiutare i fan a impegnarsi in eventi sportivi.

TraceMe è stato originariamente fondato da Russell Wilson, campione quarterback dei Seattle Seahawks, che era il presidente esecutivo della startup. La società aveva raccolto almeno $ 9 milioni da investitori che includevano il Madrona Venture Group di Seattle e Bezos Expeditions (fondo del CEO di Amazon Jeff Bezos), nonché il co-fondatore di YouTube Chad Hurley e altri, ed è stato valutato per l’ultima volta, in 2017, a $ 60 milioni.

Nike ci ha confermato l’acquisizione in una breve dichiarazione: “NIKE, Inc. ha acquisito TraceMe per integrare la strategia di contenuti dell’azienda su piattaforme di proprietà Nike”, ha detto un portavoce in una e-mail.

La nostra fonte ha dichiarato che l’accordo è stato chiuso nelle ultime settimane e che “è stato un buon risultato” per l’azienda e gli investitori. Ha coinvolto sia l’IP – l’interesse principale, ha affermato la fonte, era nella tecnologia di TraceMe piuttosto che quella di Tally – e il team.

In effetti, almeno otto di loro, incluso il CEO di TraceMe, Jason LeeKeenan, ex dirigente di Hulu, stanno inserendo la Nike come sede di servizio. LeeKeenan descrive il suo nuovo ruolo come capo della Nike Seattle. Altri membri del team hanno ora assunto ruoli che includono ingegneri del software, responsabile del prodotto e progettisti del prodotto.

Nessuno a TraceMe ha risposto alle nostre richieste di commento. GeekWire (che probabilmente ha ottenuto lo stesso suggerimento che abbiamo fatto) ha pubblicato un post in cui notava che aveva una fonte che confermava l’affare.

Il colosso delle calzature sportive Nike non è estraneo al mondo della tecnologia: è stato a lungo collaboratore con artisti del calibro di Apple per sviluppare app per i suoi dispositivi ed è stato uno dei primi motori del concetto di portare e integrare all’avanguardia (sì, possibilmente ingannevole) tecnologia nelle sue calzature e altri attrezzi. E questo prima di considerare Nike come una forza di e-commerce.

Ma mentre il legame tra sport, tecnologia e moda è ormai consolidato, questo accordo apre una nuova frontiera per l’azienda.

È molto raro che Nike effettui un’acquisizione, ma ha senso che se avesse intenzione di fare alcune fusioni e acquisizioni, sarebbe nell’area dei media digitali e raccogliere ingegneri per eseguire una visione più ampia in quella zona.

La società è nota soprattutto per le sue scarpe e i relativi abiti sportivi, che ha a lungo creato in co-branding con le più grandi star dello sport e ha recentemente iniziato a estendersi a un più ampio cerchio di celebrità e moda alla moda etichette in uno spirito di street style sportivo. Questi hanno incluso artisti del calibro di Supreme, Travis Scott e apparentemente altri tentativi incerti sulla cultura musicale.

Nike oscura tutte le altre marche di scarpe sportive in termini di dimensioni, con l’attuale capitalizzazione di mercato di quasi $ 117 miliardi, più del doppio di quella del suo concorrente più vicino, Adidas. Ma l’Adidas ha rubato una marcia quando si tratta di partnership con una vasta rete di celebrità (anche se Drake preferisce i controlli sulle strisce).

Anche se non è ancora chiaro come e se Nike utilizzerà i servizi esistenti della startup, potresti vedere come un accordo come questo potrebbe aiutare Nike a iniziare a pensare a come potrebbe sfruttare le collaborazioni e le avalli che ha già messo in atto in esperienze oltre scarpe, pubblicità e prestazioni atletiche.

In questa era di Instagram e influencer che svolgono un ruolo enorme nel spostare il sentimento dei consumatori (e dollari), questo potrebbe dare a Nike la possibilità di costruire la propria piattaforma multimediale, indipendente da questi, alle sue condizioni.

Questa è una tendenza più grande che stiamo osservando in altre categorie di consumatori. Considera come aziende come Spotify si sono estese oltre il semplice streaming musicale, investendo nella costruzione di strumenti per aiutare gli artisti sulla sua piattaforma con il marketing e l’espansione dei loro marchi. Vendere scarpe significa vendere un concetto, e quel concetto deve avere un punto d’appoggio in un’esperienza digitale più ampia.