Massimo Piombini torna in Italia. Dopo tre anni alla guida di Balmain, Piombini, che in precedenza ha lavorato anche in Valentino, assumerà la carica di nuovo CEO di Diesel nel febbraio 2020. Spiega Renzo Rosso, patron del marchio: “Diesel è un marchio unico, che rappresenta l’espressione di sé stessi, creatività ed energia alternativa. Un’etichetta iconica che ha trasformato l’industria con il suo approccio allo stile di vita, i prodotti pionieristici e la pubblicità rivoluzionaria. Voglio che Massimo accenda il motore di Diesel e porti l’etichetta dove merita di essere”. Dopo che Nicola Formichetti, ex direttore creativo di Diesel, ha lasciato l’incarico, l’approccio prevalente dell’etichetta si è basato su collaborazioni con designer emergenti come Glenn Marten e A-Cold-Wall. L’anno scorso le vendite sono diminuite del 19%, scendendo a 810 milioni di euro. Piombini deve quindi affrontare una sfida notevole. Basandosi sul progetto di collaborazioni esterne, dovrà ri-energizzare un’etichetta che un tempo valeva un reddito annuo di 1,1 miliardi di euro. Le altre principali risorse di Diesel sono i suoi 5.000 dipendenti e 700 negozi monomarca in tutto il mondo.