Arrivano le Sneakers color-block Maison Margiela create in collaborazione con Reebok. L’iconica punta Tabi di Maison Margiela del 1988 incontra le rivoluzionarie sneakers Reebok Instapump Fury del 1994. L’intersuola Hexalite ammortizza e assorbe gli urti, mentre il ponte dell’arcata plantare Graphlite assicura un supporto leggero e flessibile. Completano il modello le caratteristiche geometrie architettoniche e una pratica linguetta ad anello. Maison Margiela è uno dei nomi più rinomati della moda di lusso di fascia alta con alcune delle silhouette più riconoscibili nel mondo della moda. Con i sempre popolari pezzi Replica che reimmaginano e scompongono i design di base e li reimmaginano per il consumatore attuale. “Riproduzione di indumenti trovati di fonti e periodi di trasporto”, è scritto in un carattere tipografico da macchina da scrivere su un’etichetta fissata agli indumenti con il tipo di indumento che viene replicato, da cui il nome “Replica” è dato a questi indumenti. Le collezioni “Replica” prendono il concetto di pezzi senza tempo e si basano sul principio che questi pezzi hanno già dimostrato la prova del tempo. L’idea era di progettare ogni capo in modo che fosse rilevante per oggi come lo sarà per domani.

Ma come nasce Maison Margiela? Ecco la storia del brand: dopo gli studi presso la Royal Academy of Fine Arts ad Anversa, Martin Margiela lavora come designer freelance in collaborazione con stilisti come Jean-Paul Gaultier e nel 1988 fonda la propria casa di moda a Parigi. Da quel momento la sua tenace volontà di eludere il marketing convenzionale e concentrarsi sulla qualità del prodotto e del design è stata molto chiara. Maison Margiela decostruisce gli abiti per dare loro nuovi significati attraverso un’attenta creazione artigianale e la scelta di tessuti di alta qualità. Negli ultimi 20 anni Martin ed il suo team hanno creato alcune delle collezioni più influenti ed apprezzate nella storia della moda rendendo il brand una icona nella moda d’avanguardia.