Jil Sander, show “poetico” in una centrale elettrica

Jil Sander, show “poetico” in una centrale elettrica

La coppia di designer Lucie e Luke Meier mette alla ribalta in una era non minimalista la griffe Jil Sander, il marchio di moda minimalista per eccellenza, con uno show “poetico” nell’ultimo gigantesco spazio industriale rinnovato e riscoperto a Milano dall’industria della moda, una Ex centrale elettrica in via Bramante.  Le forme fluide di questa collezione, i tessuti puri e le sagome aggraziate hanno portato a un momento di fascino e raffinatezza in cui l’intero cast di 54 modelle ha sfilato attorno a due file di classiche sedie da ufficio in legno, per poi terminare il défilé sedendosi su di esse. Tutto, incluso un semplice blazer a un bottone e una gonna di ciniglia con spacco laterale, riconciliava con la bellezza. Elemento chiave una serie di mantelle, a partire da una versione in cashmere mohair su un abito ‘a colonna’ a coste, per terminare con un bellissimo vestito in taffetà color ecrù da Reverenda Madre, completato da un mantello.

Clicca qui per info