Dopo aver svelato la sua prima collezione per Frankie Morello in occasione di Milano moda donna, il designer croato riorganizza la sua etichetta di prê-à-porter chiamando al timone, in qualità di ceo, il manager francese

 

Damir Doma  ha deciso di affidare la guida del suo marchio a Christophe Mélard. Dopo essere stato scelto come direttore creativo del brand Frankie Morello, il designer croato riorganizza la sua etichetta di prê-à-porter uomo e donna chiamando al timone, in qualità di ceo, il manager francese.

Secondo alcuni rumors di stampa, il nuovo amministratore delegato sarebbe in carica già da gennaio al posto di Jeremy Rocher, che ha investito nella casa di moda dal 2010 come azionista di maggioranza e che adesso rimarrà coinvolto nel capitale aziendale.

Mélard vanta una solida esperienza all’interno del fashion system. Dal 2009 al 2014 ha diretto il marchio di calzature Sergio Rossi. In precedenza, nel 2005, era entrato nel gruppo Kering, dove aveva ricoperto il ruolo di direttore finanziario di Yves Saint Laurent Beauté e di presidente di Roger & Gallet, in seguito passati in orbita L’Oréal.

L’obiettivo di Damir Doma è dare nuovo slancio al suo brand, che si era trasferito a Milano nel 2015 per avvicinarsi a fornitori e produttori, ma anche per sfilare alla Settimana della moda milanese. Dodici anno dopo aver lanciato la label, lo stilista ha deciso di cambiare strategia e ha anche affidato la produzione delle sue collezioni all’azienda bolognese Jato group, che le gestirà su licenza.

Intanto Damir Doma solo pochi giorni fa, in occasione di Milano moda donna, ha portato in scena la sua prima collezione disegnata per Frankie Morello, marchio di Fmm. «Voglio che la mia linea rappresenti stile e ironia», ha detto lo stilista. Tanto ironico da portare in passerella persino un look composto da accappatoio e asciugamano che avvolge i capelli.