I PAESI ASIATICI GUIDANO LA CRESCITA DEL MERCATO

Le imprese di lusso devono essere agili e veloci nel reagire al mercato in evoluzione: i consumatori del “lusso” stanno diventando sempre più giovani e sono i paesi asiatici a guidare la crescita del mercato, secondo l’ultimo studio di Bain & Company sul luxury prodotto in collaborazione con la Fondazione Altagamma.

Il mercato dei beni di lusso personali è cresciuto del 4% in valore, quest’anno, raggiungendo i 281 miliardi di euro. La natura dei clienti del lusso si sta evolvendo rapidamente: i giovani acquirenti seguono e cercano di “dialogare” con i marchi che li costringono a innovare sia i loro modelli di business che le loro proposte di valore. Claudia D’Arpizio, partner di Bain & Co, spiega che gli acquirenti asiatici sono stati i principali driver della crescita del luxury, ma è il cliente in generale che si sta evolvendo: “I marchi dovranno orientarsi verso un nuovo modello per rispondere alle esigenze dei clienti quando si tratta di acquistare, consumare e comunicare”.

I consumatori del luxury di oggi sono sempre più i Millennials, mentre i nati tra il 1980 e il 1995 rappresentano il 35% dei consumi. Questa quota aumenterà fino al 45% entro il 2025. La “generazione Z”, ancora più giovane, è pronta a rimodellare il settore. Entro il 2035 potranno costituire il 40% degli acquirenti dei beni di lusso con comportamenti che li distinguono dalle altre generazioni. La responsabilità sociale è una priorità dei consumatori più giovani. L’80% dei consumatori del luxury preferisce infatti marchi socialmente responsabili, dove per “socialmente responsabile” si intende non solo il tema ecologia ma una serie di numerose altre questioni.