Attenuazioni astute da Saint Laurent

Attenuazioni astute da Saint Laurent

Anthony Vaccarello si è dimostrato capace di trasformare un repertorio relativamente limitato in una performance a tutti gli effetti e straordinariamente convincente

 

Ciò che colpisce in particolare di “Loulou e Yves”, la recente storia orale di Christopher Petkanas sul mondo di Yves Saint Laurent e la sua ispiratrice Loulou de la Falaise, è quanto poco viene assorbito dall’attuale disordine creativo che ci è voluto per creare alcuni dei più grandi collezioni di moda di tutti i tempi. I suoi soggetti erano persone di festa hardcore e il letame verrà rastrellato quando si tratta di raccontare le loro storie perché quel letame ha il fascino irresistibile che si è attaccato senza sforzo alle anime perdute che sopravvivono ora in scatti di papà sgargianti da vecchi locali notturni.

Anthony Vaccarello vestirebbe quelle persone ora se vivessero. Lo ha reso abbastanza chiaro con il pezzo distintivo della sua ultima collezione per Saint Laurent. Era un paio di minuscoli pantaloni caldi, che consegnava di tutto, dai gessati al pitone laccato nero. “Un omaggio a me stesso”, ha chiamato i cortometraggi, che erano abbastanza diversi dal resto della collezione, un’attenuazione astuta dei tropi di Yves. “Ho fatto una collezione del genere tre, quattro stagioni prima di venire a Saint Laurent.” Mi hanno ricordato che non esiste un look che definisce il glamour del rock’n’roll come una giacca lunga luccicante sopra una canotta e minuscoli pantaloncini abbinati stivali con tacco al ginocchio. Taglialo in nero, aggiungi un accento d’oro e io sono con la band.

Quindi quella era Tony V. Yves SL era un’altra storia. Vaccarello è assorbito dall’eredità, ma fino ad ora lo ha fatto da sfondo. Qui, tuttavia, era più facile rilevare tracce di Yves. I foulard zingari segnalavano un saluto alla famosa collezione couture di Saint Laurent per l’autunno 1976, quella ispirata all’abito contadino russo. Seguì una serie di abiti da contadino dorati e riccamente ricamati. Le immagini di Jerry Hall, suddivise in zone nelle controverse pubblicità del profumo di oppio di YSL, mi attraversarono il cervello. Tutto è tornato ai tempi di Tom Ford a Saint Laurent. Anche Vaccarello fu affascinato da questo particolare periodo della carriera di Yves. Ha insistito sul fatto che lo straordinario sistema di illuminazione dello spettacolo – una superficie di faretti rivolta verso l’alto per creare una cattedrale di luce che era abbastanza rivale di Albert Speer a Norimberga negli anni ’30 – era una mutazione contemporanea dei lampadari che illuminavano la presentazione della collezione russa. “Mettere le luci sul pavimento è un lampadario al giorno d’oggi”, ha affermato Vaccarello. “È come vedere tutte le luci quando sei ubriaco.” Doppia visione, vuoi dire? “Sì”. Abbastanza “Loulou e Yves”, in altre parole.

Nella sua mente, l’essenza della collezione era un omaggio a Le Smoking, l’iconico look da smoking con cui Saint Laurent ha accresciuto le verità della moda nel 1966. Vaccarello ha mostrato ogni possibile variante, con una particolare enfasi sulla lucentezza. Naomi Campbell ha chiuso lo spettacolo con una giacca e pantaloni pavé di paillettes nere. Era la nota di grazia di una collezione che enfatizzava l’oscurità e una curiosa pesantezza che riecheggiava nella fragorosa colonna sonora. “Nulla ti viene in mente quando pensi all’estate”, ha detto Vaccarello. Intrigante, visto che ha mostrato la collezione dei suoi uomini per la primavera 2020 a Malibu Beach. Non c’erano ragazzi sulla spiaggia qui. Ma ciò che quella colonna sonora mi ha colpito nel cranio è stato il modo in cui Anthony Vaccarello si è dimostrato capace di trasformare un repertorio relativamente limitato in un’esibizione a pieno titolo e straordinariamente convincente. Perché è esattamente quello che era.