Armani Privé: Ritorno alle Origini

Armani Privé: Ritorno alle Origini

Una collezione Armani perfettamente pura: masterclass di semplicità dell’anima

 

Nelle ultime stagioni, Giorgio Armani ha portato i suoi spettacoli Armani Privé fuori dalla scatola nera e in grandi spazi parigini pieni di luce naturale e bella architettura. Ciò che non è cambiato sono le lunghe passerelle del designer, che spesso possono diluire il suo messaggio.

Oggi è stato un vero peccato perché quello a cui abbiamo assistito era una collezione Armani perfettamente pura: una masterclass in soule semplicità e maschile incontra femminile; giacche impeccate, chiare e scure (il movimento dal nero ai pastelli perlati e schiena era veramente incantevole) e considerato légèreté.

Ciò che ha veramente attirato l’attenzione è stato il velo e la stratificazione, che ha fatto muovere gonne e pantaloni come aloni intorno al corpo. Come sempre per Armani, c’erano sottili riferimenti esotici, non esattamente definibili in termini di provenienza geografica o culturale, ma ridondolente di sapori orientali, mediorientali e asiatici.

Il comunicato stampa ha etichettato tutto “folk”, che la collezione non era chiaramente. Beh, non nel senso di gonne contadine e costumi tradizionali, ma forse più nel senso Armani di guardare ad altre culture, come il re della moda italiana ha fatto ampiamente in una delle sue migliori stagioni creative verso la fine degli anni ’80.

Negli ultimi tempi, Armani ha rivisitato alcuni momenti chiave della sua carriera, che si estende per più di quattro decenni, rendendo sia i fan, gli appassionati e gli osservatori della moda felici di ricreare un’epoca gloriosa. Ciò che rende efficace questo approccio è la mancanza di nostalgia del designer. Armani non rende omaggio a se stesso come un artista che ha perso ispirazione. Piuttosto, tornare alle radici funziona come un’affermazione infinita di uno stile che si evolve mentre rimane coerente. Ora, questo è un risultato: sempre lo stesso, sempre diverso.